regolamento easa

Regolamento europeo EASA

Il regolamento EU adotta un approccio basato sul rischio e non distingue tra attività ricreativa e attività commerciale. Si basa sul peso, sulle specifiche del drone e sull’operazione che si intende intraprendere. Il regolamento riguarda i droni venduti sul mercato, il che significa:

  1. Quando operano nella categoria aperta.

    • a) Droni provvisti d’etichetta di identificazione di classe (a norma con il regolamento EU 2019/945) da 0 a 6
    • b) Costruzioni private
    • c) Immessi nel mercato prima del 1° luglio 2022
  2. Quando operano nella categoria specifica.

    • Tutti i droni che operano in questa categoria sono soggetti al regolamento EU

Il Regolamento EU si occupa della maggior parte dei tipi di operazioni e dei loro livelli di rischio. Lo fa attraverso tre categoria: Aperta, Specifica e Certificata.

Un Operatore Drone è qualsiasi persona, fisica o un’organizzazione, che possiede o affitta un drone. Il Pilota Remoto invece è la persona che effettivamente pilota il drone. Si può essere sia Operatore Drone che Pilota Remoto quando si possiede e si pilota il proprio drone. Tuttavia è anche possibile essere un Pilota Remoto senza essere un Operatore Drone, per esempio quando si è un pilota che lavora per una società che fornisce servizi con i droni. In questo caso l’azienda è l’Operatore drone e tu sei il Pilota Remoto.

Ciascuno Stato membro dell’EASA determinerà le zone geografiche per i droni. Suddivise in aree in cui i droni non possono volare (ad esempio parchi nazionali, centri urbani o vicino agli aeroporti) o possono volare solo a determinate condizioni o dove necessitano di un’autorizzazione di volo. Pertanto, è importante che tu consulti la tua National Aviation Authority per verificare dove puoi e non puoi pilotare il tuo drone.

Le limitazioni sulle zone geografiche si applicano a tutte le categorie.

Inoltre, non è consentito pilotare un drone vicino o all’interno di un’area in cui è in corso una risposta di emergenza.

Lista delle autorità aeronautiche nazionali.

Riferimento normativo: articolo 15 e UAS.OPEN.060 (4) del regolamento UE 2019/947.

In genere, quando si opera nella categoria aperta, non è consentito sorvolare persone non coinvolte, a meno che non si disponga di un drone costruito privatamente con un peso inferiore a 250g o di un drone acquistato sul mercato con un’etichetta di identificazione di classe 0 o 1. In ogni caso, cerca di ridurre al minimo il tempo durante il quale sorvoli le persone.

Se hai un drone con un marchio CE di classe 2, nella sottocategoria A2, come regola generale, tieni l’UA a una distanza laterale da qualsiasi persona non coinvolta che non sia inferiore all’altezza alla quale il drone sta volando (questa è una regola “1:1”, cioè se l’UA sta volando ad un’altezza di 40 m, la distanza da qualsiasi persona non coinvolta dovrebbe essere di almeno 40 m), e non volare mai a meno di 30 metri orizzontalmente da una persona non coinvolta. Se il tuo drone è dotato di una modalità a bassa velocità e questa è attiva, puoi volare fino a 5 metri da persone non coinvolte.

In tutti gli altri casi (droni con etichetta di identificazione di classe 3, 4, 5 o 6 o costruiti da privati e di peso superiore a 250 g), è necessario assicurarsi che non siano presenti persone non coinvolte nel raggio dell’operazione.

Riferimento normativo: articolo 4 (1) (c) e UAS.OPEN.040 del regolamento UE 2019/947.

Un drone è considerato un giocattolo quando potrebbe essere attraente per un bambino. Più precisamente, i prodotti progettati o destinati esclusivamente all’uso nel gioco da parte di bambini di età inferiore a 14 anni dovrebbero essere considerati un giocattolo e conformi alla direttiva 2009/48/CE sulla sicurezza dei giocattoli. La conformità di un drone a tale direttiva è dichiarata nella corrispondente dichiarazione di conformità UE. In caso di dubbi, il fatto che un prodotto debba essere considerato un giocattolo viene valutato dalle autorità di vigilanza del mercato sulla base di una serie di caratteristiche legate all’attrattiva del prodotto per i bambini, all’accessibilità, ecc.

Tuttavia, i fabbricanti possono escludere chiaramente il loro prodotto dall’applicazione della direttiva sulla sicurezza dei giocattoli (quando è possibile una confusione) indicando chiaramente un’età minima di 13 anni sul loro prodotto (imballaggio, manuale, ecc.) (Ad es. “Non per utilizzo sotto i 14 anni ”).

Riferimento normativo: articolo 2 della direttiva 2009/48/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2009, sulla sicurezza dei giocattoli.

Un drone autonomo è in grado di condurre un volo sicuro senza l’intervento di un pilota. Lo fa con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, che gli consente di far fronte a tutti i tipi di emergenza. Questo è diverso dalle operazioni automatiche , in cui il drone vola su rotte predeterminate dall’operatore del drone prima di iniziare il volo. Per questo tipo di drone è fondamentale che il pilota remoto prenda il controllo del drone per intervenire in caso di imprevisti per il quale il drone non è stato programmato. Mentre i droni automatici sono consentiti in tutte le categorie, i droni autonomi non sono ammessi nella categoria aperta.

I droni autonomi necessitano di un livello di verifica della conformità ai requisiti tecnici non compatibile con il sistema messo in atto per la categoria aperta. Le operazioni autonome sono invece ammesse nella categoria specifica, dove il Regolamento prevede uno strumento sufficientemente flessibile per verificare i requisiti con un adeguato livello di robustezza.

Le operazioni autonome sono consentite anche nella categoria certificata.

I piloti di aereo modelli hanno le seguenti opzioni per condurre le loro operazioni:

a) Possono operare come membri di un club o di un’associazione di aereo modellismo che ha ricevuto dall’autorità competente un’autorizzazione, come definita nell’articolo 16 del regolamento UAS. In questo caso, devono attenersi alle procedure del club o dell’associazione in conformità con l’autorizzazione. L’autorizzazione definirà tutte le condizioni per operare, e potrà discostarsi dal Regolamento (ad esempio potrà consentire operazioni con droni superiori a 25 kg, o in volo superiori a 120 m ecc.). Gli Stati membri possono consentire ai club e alle associazioni di aeromodellismo di registrare i propri membri nei sistemi di registrazione istituiti a norma dell’articolo 14 per loro conto. In caso contrario, i membri dei club e delle associazioni di aeromodellismo devono registrarsi autonomamente ai sensi dell’articolo 14.

b) Se una persona non desidera diventare membro di un club o di un’associazione, può utilizzare le zone geografiche speciali definite dagli Stati membri dell’AESA, in conformità con l’articolo 15, paragrafo 2, del regolamento UAS, dove i droni e gli aeromodelli sono esentati da determinati requisiti tecnici e/o laddove i limiti operativi siano estesi, inclusi i limiti di massa o altezza.

c) Infine, gli aereo modelli possono essere utilizzati nella sottocategoria A3.

Riferimento normativo: art. 16 del regolamento UE 2019/947.

Droni costruiti privatamente di qualsiasi peso possono essere utilizzati nella categoria “specifica”, se inclusa nell’autorizzazione operativa rilasciata dalla National Aviation Authority.

Il regolamento ti consente di volare senza mantenere il contatto visivo diretto con il drone, a condizione che tu abbia una persona accanto a te, un osservatore UA, che mantiene il contatto visivo diretto con il drone, scansiona lo spazio aereo per assicurarti di non mettere in pericolo altre parti ( es. aeromobili o edifici o persone). L’osservatore UA deve essere posizionato accanto a te in modo che possa immediatamente comunicare con te nel caso in cui veda un ostacolo e darti istruzioni, come ad esempio far atterrare immediatamente il drone.

Riferimento normativo: articolo 4 (d) del Regolamento UE 2019/947.

Normalmente le gare di droni sono organizzate da club e associazioni. In tali casi, potrebbero aver ricevuto autorizzazioni operative dalle loro autorità aeronautiche nazionali ai sensi dell’articolo 16 del regolamento (UE) 2019/947, che copre anche l’organizzazione di tali eventi.

In presenza di spettatori l’operazione rientra nella categoria specifica e occorre richiedere un’autorizzazione all’Ente Nazionale per l’Aviazione.

Un certificato di operatore UAS leggero (LUC) è un certificato di approvazione dell’organizzazione. Gli operatori di droni possono chiedere all’Autorità aeronautica nazionale di registrazione di far valutare la loro organizzazione per dimostrare che sono in grado di valutare essi stessi il rischio di un’operazione. I requisiti che devono essere dimostrati dagli operatori di droni sono definiti nella Parte C del Regolamento (UE) 2019/947. Quando la National Aviation Authority sarà soddisfatta, rilascerà un certificato di operatore UAS leggero (LUC) e assegnerà privilegi agli operatori di droni in base al loro livello di maturità. I privilegi possono consentire all’organizzazione di autorizzare le operazioni senza richiedere un’autorizzazione.

I privilegi possono essere uno o più dei seguenti:

Condurre le operazioni coperte da scenari standard senza presentare la dichiarazione;
autorizzare autonomamente le operazioni condotte dall’operatore del drone e coperte da un PDRA senza richiedere un’autorizzazione;
autorizzare autonomamente tutte le operazioni condotte dall’operatore del drone senza richiedere un’autorizzazione.

Dato che non esiste ancora alcun riconoscimento reciproco stabilito tra l’EASA e altri paesi, nel dominio dei droni, la formazione o la qualifica ottenuta nel tuo paese di residenza non sarà accettata nell’UE. Pertanto, dovrà sottoporsi all’addestramento richiesto prima di poter pilotare il suo drone all’interno del territorio europeo. Nel frattempo, altre nazioni potrebbero sviluppare dei nuovi regolamenti che possono essere considerati dalla Commissione UE come equivalenti a quelli in Europa. Le informazioni sul futuro riconoscimento saranno pubblicate sul sito web della Commissione europea non appena sarà finalizzato.

Dato che non esiste ancora alcun riconoscimento reciproco stabilito tra l’EASA e altri paesi, nel dominio dei droni, la formazione o la qualifica ottenuta nel tuo paese di residenza non sarà accettata nell’UE. Pertanto, dovrà sottoporsi all’addestramento richiesto prima di poter pilotare il suo drone. Nel frattempo, altre nazioni potrebbero sviluppare nuovi regolamenti che possono essere considerati dalla Commissione UE come equivalenti a quelli in Europa. Le informazioni sul futuro riconoscimento saranno pubblicate sul sito web della Commissione Europea non appena sarà finalizzato.

Tutte le operazioni con i droni condotte negli Stati membri dell’EASA devono essere conformi al regolamento sui droni, indipendentemente dalla nazionalità dell’operatore o del pilota remoto. Pertanto, come residente extra UE, è tenuto a registrarsi presso l’Autorità nazionale per l’aviazione del primo paese dell’UE in cui intendi operare.

Le verrà quindi rilasciato un numero di registrazione dell’operatore di droni che deve essere visualizzato con un adesivo su tutti i droni che possiede. È inoltre necessario caricare il numero di registrazione dell’operatore nel sistema d’identificazione dei droni.

Una volta registrato nel paese ospitante, la registrazione dell’operatore di droni sarà valida in tutta Europa e l’operatore sarà tenuto a seguire tutte le disposizioni del regolamento sui droni.

Se intende operare nella categoria specifica, deve presentare una dichiarazione per uno scenario standard o richiedere un’autorizzazione operativa all’Autorità nazionale per l’aviazione degli Stati membri dell’UE in cui ti sei registrato.

Se desideri condurre operazioni in uno Stato membro diverso da quello in cui ti sei registrato, devi seguire la stessa procedura di tutti gli altri cittadini nazionali dello Stato membro in cui ti sei registrato.

Riferimento normativo: art. 41 (1) e (2) del regolamento UE 2019/945.

Entro il 31 dicembre 2020, qualsiasi autorizzazione concessa da uno Stato membro sarà valida nel resto d’Europa. L’operatore del drone è tenuto a presentare prima la dichiarazione (se intende condurre un’operazione coperta da uno scenario standard) o ricevere un’autorizzazione operativa dall’Autorità nazionale per l’aviazione dello stato di registrazione.

Per un’operazione coperta da uno scenario standard (SS), l’operatore di droni deve inviare all’Autorità Nazionale dell’Aviazione dove intende operare, una copia della dichiarazione e una copia della conferma di ricezione e completezza ricevuta dall’Autorità nazionale per l’aviazione dello stato di immatricolazione. Quindi l’operatore di droni può avviare l’operazione seguendo i requisiti dello scenario standard e verificando la zona geografica pubblicata dall’Autorità nazionale per l’aviazione in cui viene condotta l’operazione.

Per le operazioni non coperte da uno scenario standard nella categoria specifica, l’operatore di droni deve garantire che le misure di mitigazione presentate nella sua valutazione del rischio originale siano appropriate al nuovo ambiente in cui intende operare o è necessario aggiornarle.

Quindi l’operatore di droni deve fornire all’Autorità aeronautica nazionale dello Stato membro dell’operazione prevista una domanda, che deve includere:

a) una copia dell’autorizzazione operativa rilasciata dall’autorità nazionale per l’aviazione dello Stato membro di immatricolazione; con

b) l’ubicazione dell’operazione prevista, comprese le misure di mitigazione aggiornate.

Al ricevimento della domanda, l’Autorità aeronautica nazionale dello Stato membro dell’operazione prevista esaminerà la misura di mitigazione aggiornata proposta. Confermeranno all’operatore del drone che l’applicazione è soddisfacente. Una volta che l’operatore riceve la conferma, può avviare l’operazione prevista. Se all’operatore di droni è stato concesso, dall’Autorità aeronautica nazionale dello stato di registrazione, un LUC (un certificato di operatore UAS leggero) con il privilegio di auto autorizzare le proprie operazioni, deve fornire all’Autorità aeronautica nazionale dello Stato di destinazione dell’operazione una copia del termine di approvazione del LUC e l’ubicazione o le ubicazioni dell’operazione prevista.

Riferimento normativo: articolo 13 del regolamento UE 2019/947.

Per la categoria “aperta” o gli scenari standard, l’autorità nazionale per l’aviazione è responsabile del rilascio dei certificati. Un certificato per la competenza di pilota remoto è valido per 5 anni . Se la riconvalida viene effettuata prima della scadenza del certificato, il pilota remoto può partecipare a un seminario fornito dalla National Aviation Authority o da un ente da essa riconosciuto, altrimenti le competenze devono essere nuovamente dimostrate.

Sì, la formazione condotta in uno stato membro dell’EASA sarà riconosciuta in tutti gli altri.

Sì, la formazione condotta in uno Stato membro dell’AESA sarà riconosciuta in tutti gli altri.

Sì, i droni costruiti privatamente possono essere utilizzati e, a seconda del loro peso, operati nella categoria “aperta” o nella categoria “specifica”. Tu, come operatore di droni, devi soddisfare tutti i requisiti del regolamento e nella categoria “aperto” puoi operare solo nella sottocategoria:

  • A1 quando il peso massimo al decollo (MTOM) del drone, compreso il carico utile, è inferiore a 250 g e lo si fa volare a una velocità inferiore a 19 m/s; o in
  • A3 quando la MTOM del drone, compreso il suo carico utile, è inferiore a 25 kg.

Riferimento normativo: UAS.OPEN.020 (5) (a) e UASOPEAN.040 (4) (a) Allegato parte A del regolamento UE 2019/947.

Puoi gestire i tuoi servizi commerciali o meno, nella categoria “aperto”, se soddisfi tutti i requisiti definiti per la categoria “aperto”.

Riferimento normativo: articolo 4 del Regolamento UE 2019/947; Allegato parte A e articolo 5, paragrafo 1, del Regolamento UE 2019/947.

Un drone può essere utilizzato nella categoria “specifica”o “certificata”, quando non soddisfa i requisiti stabiliti nella categoria “aperta”.

Riferimento normativo: articolo 4 e articolo 20 del Regolamento UE 2019/947; Allegato parte A e articolo 5 (1) del Regolamento UE 2019/947, Parti da 1 a 5 Allegato del Regolamento UE 2019/945.

Per le operazioni che rientrano nella categoria “specifica”, la formazione dipende dall’operazione che si intende condurre. Quindi, a meno che l’operazione non rientri in uno scenario standard, dopo la valutazione del rischio, sarà necessario proporre un possibile corso di formazione all’Autorità aeronautica nazionale. L’autorità valuterà in ogni caso l’adeguatezza della formazione e, se confermata nell’autorizzazione operativa, la formazione diventerà la formazione richiesta.

Se la tua operazione rientra in uno scenario standard, il pilota remoto deve:

  • Possedere un certificato di conoscenza teorica del pilota remoto per il funzionamento in scenari standard;
  • Detenere un accreditamento di completamento della formazione pratica di abilità STS-01.

Per fare ciò, il pilota remoto deve completare e superare con successo un corso di formazione online.

Sia il certificato che l’accreditamento possono essere rilasciati da un’autorità competente o da un’entità scelta per farlo.

Riferimento normativo: UAS.SPEC.050 (d) e UAS.SPEC.060 (b) del Regolamento UE 2019/947.

Quando si opera nella categoria “specifica”, se le operazioni possono essere condotte entro i limiti di uno scenario standard e utilizzando un drone appropriato, l’operatore di droni deve solo presentare una dichiarazione all’autorità nazionale per l’aviazione e attendere la conferma di ricezione e completezza. Per tutte le altre operazioni della categoria “specifica” è necessaria un’autorizzazione operativa rilasciata dall’Autorità nazionale per l’aviazione.

Le informazioni qui riportate sono a titolo informativo, si prega di consultare il sito ufficiale.

DRONEAIR, UAV TRAINING CENTER, SWISS DRONE BASE CAMP, LODRINO AEROPORTO
X
X
X